che regazzino

Posted by opinionista on novembre 24, 2016

Entro, de sguincio me ciocco la fila alle casse e penso: porcoddio che palle, so le otto e mezzo! ma comè tutta sta gente ancora?
Stamo a Roma bellooo, me risponno da solo, te pensavi de non trovà la fila? Ma ndo pensi de stà a Bolzano?
Ecco appunto, sbrigate piuttosto, e fattela pià bene, muto e rassegnato.
Non faccio in tempo a rassegnamme però, che La vedo. La prima volta al banco delle carni, io cercavo le fettine de vitella, lei quelle de manzo, poi alla bilancia delle verdure, io tasto 81, limoni, 32, pere, lei 45, Balotelli, 71 Lulic, 12, pomodorini pachino.
Tra na pesata e l’antra me ripeto: ..che regazzino! Ma la fai finita!??
Niente, mi rendo conto che vorrei vince na battaja che ho già perso. Allora, sconfitto, la guardo di nuovo, come prima tra la pezza de vitella ed il manzo, e lei pure me guarda, ma de soppiatto, o pe non fasse beccà cor sorcio in bocca, o perché starà a pensa “che palle questo”, tale e quale lo stesso dubbio infinito che me ponevo quanno che ero regazzino.
Non ho idea di quanti anni avrà, ma devesse giovane pefforza, perchè je vedo nell’occhi quella cosa che c’hanno i regazzini , quella stessa cosa che cercano nell’occhi dell’antra appunto, i regazzini .
ma la fai finita de fa il regazzino, ma stavolta la mia parte razionale è più maliziosa, cerca de convinceme dicendome, almeno dije na cosa no? cazzo te guardi e non favelli?.., ma non lo so che me dice la testa, non riesco a di na parola, eppure ne avrei l’occasione, ma non me riesce, pe timidezza, come quanno ero regazzino.
Pochi istanti dopo al banco del pane se rincrociamo, dev’esse scritto nel destino de quel supermarcato. Non riesco concentramme sulle cose da comprà, come dici? pane de grano duro? na ciabbatta? un cazzoto? Ma che ne so….fai te, damme quello che te pare, tanto io non ce riesco, me paro regazzino.
tepareva poi che non la incontro pure in fila alla cassa, ma stavolta non mefreghi! scelgo nantra coda! pe non dajela vinta, come i regazzini.
Non l’avessi mai fatto, nel giro de nattimo se ritrovamo fianco fianco, non so se è perché quello davanti a me è stato più veloce de quella davanti a lei, o perché la cassiera sua è stata più lenta, o semplicemente perché è il destino che sta in fissa a piamme perculo fatto bene oggi, come quanno che eri regazzino.
Non m’andrebbe de guardaje er culo, giuro non mandrebbe, ma lo faccio, come i regazzini.
Non mandrebbe de sta lì a pensà , avido, a qualcuna che fra poco non rivedrò più, ma al collo c’ho na scimmia co legato arcollo un “voglio”, come i regazzini.
Più la guardo e più spero che se rompa tutto, spero che entri adesso uno incappucciato col ferro in mano e faccia na rapina: mani in alto! giro giro tondo, casca il mondo, casca la terra, tutti giù per tera.
Viaggio, i contorni si ovattano, sento solo tiii tiiii tiii tiii del lettore ottico in sottofondo, come in dissolvenza, più la guardo e più rosico, pare che il viso je l’abbiano disegnato pe famme un dispetto, con quei tipici tratti che me fanno salì la pezza per qualche ragione strana e insondata, ma non la pezza de vitella….la pezza quella che me verebbe da dije: “ao, la prossima volta mettemese d’accordo, o la fai prima tu la spesa o prima io, insieme non ce riesco”.
Non faccio in tempo a ride de me stesso che Mannaggiallamadonna, viene er peggio. Perché sto giochetto è durato abbastanza da famme sentì leggero come quanno te pii le pasticche per l’’umore, il litio, le benzodiazepine, e sta cosa me spingerebbe dritto dritto in una direzione sola, dije na cosa, fermarla, rompe sto gioco de sguardi e rimedià un sorriso, una parola, mejo: il numero de telefono.
…ma statte bono statte, statte bono,! paga e zitto.! Che sennannamo.
..sta spesa maledetta, ho pagato, non me ricordo manco quanto, non me ricordo che me so comprato, se ho preso il resto, ‘ndo l’ho messo? e mentre apro la busta hai visto mai m’è finito qua dentro come un faggiano me volto, la vedo, me vede, e stavolta me sorride, giusto un attimo, giusto pe il gusto di vedere l’effetto che fa lasciare un impiccato penzolare tra le buste d’acqua minerale uliveto.
Me serve il colpo de reni adesso, una reazione, come Spartaco! al che me convinco che c’avro na caccola in fuorigioco, e quello non era un sorriso, ma solo una risata di scherno repressa di una ragazza educata.
…e comunque sia, Cicalò, quello che è sicuro è che il caso che te dai na svejata. Che non sei più un regazzino, pia sta busta piena de boh e vattene a casa. Forza!
Vabbè, vabbè, vabbè, ntencazzà, vabbene, annamisene..
…Però l’hai vista?! ..ammazza quant’era bona.

Filed under lamate st.rt.

Comments are closed.