er Barcone

Posted by opinionista on Maggio 12, 2015

Uscimmo dalla metro A, co 6 scarpe e na ciavatta, brutti come la città mia, che saranno state? le otto de sera?

Uno de noi puzzava pure de sudore, manomale che almeno parlava con accento milanese.

“Uè Milaaaaaaaano!”

Entramo dentro starbergo a dieci mila stelle, che manco la via lattea, con tanto de usciere co tanto de cappello da usciere che ce fa: “vi posso aiutare signori?”

Signori? Ma ndo? li vedi solo te, cmq, stasera me vojo fidà! Vada pe “Signori!”

“stavamo cercando il ristorante”

Dice “a destra della hall, superate un archetto, trovate l’ascensore, ottavo piano”.

Prima de salì, mentre che aspettamo l’ascensore quello che puzza se cambia la majetta rimanendo a petto nudo pe un attimo, e lo fa senza mette un palo a controllà che non arivasse nessuno…

vabè, è stato detto, è de Milano.

Quanno che ariva l’ascensore se aprono e le porte e vedo che il pavimento dell’ascensore era de parquet, che vojo dì, un po m’ha sorpreso ma manco faccio in tempo a dì “ anvedi il parquet nell’ascensore” con espressione sopresa che lui, lei, ‘nsomma l’ascensore, se ferma, e se apre, e davanti a me, davanti a noi, porcamadonna!

A destra il Quirinale, davanti il Gianicolo, San Pietro tutto illuminato che se poteva quasi toccà co na mano, a sinistra il Pincio, sotto via del Tritone che correva giù fino a via del Corso..

Il quel preciso secondo tutti e tre amo smesso de respirà, de parlà, de fa le cose che se fanno normalmente quanno che le emozioni so normali.

Erano le otto, e alle otto de sera a Maggio a Roma sta quasi pe fa buio, ma non è anocora buio, è quello che chiamano tramonto e vi assicuro: porcoddio.

Se sedemo su sto tavolino su sto barcone co mammma Roma che pare che finalmente ce degni de no sguardo, poi, una serie di camerieri sommelier e cazzi vari ce portano le mejo cose da magnà e beve che esistono come che fosse na cosa normale essere speciali.

Insomma pe falla breve alla fine de sta giostra il conto sarà cinquecento euro, su sto cazzo de terrazzo, la metà del mio stipendio in 2 ore, altro che barcone.

Sul barcone te ce affacci te che non conti un cazzo, dal barcone ce affogano i migranti che contano la metà della metà di un cazzo, donne omini e bambini, senza distinzione, gente che non conta un cazzo, che se magna la merda e sempre se la magnerà, perché semo 7 miliardi di infami messi inpilati su una piramide e tutti non centramo su sto terrazzo da cinquecento euro, poesse grosso quanto te pare, tutti non ce capemo, ce capeno solo i ricchi.

Perché i ricchi c’hanno tutto, le cose più bone, le cose più belle, e all’antri je lasciano l’ethernit ed il neomelodico.

Ma pe na sera ve semo venuti a disturbà, a strillà “porcoddio che bomba” su sto terazzo dove chi parla sussura elegante, e guarda il mondo dall’ottavo piano, dove sotto è tutto piccolo.

Perché ce sta un a differenza tra un barcone ed un terrazzo. Tutte e due c’hanno l’affaccio, ma da uno s’affaccia un ricco, dall’altro ce affoga un poveraccio.

E poi ho pure capito che l’acqua calla fa impressione ogni volta che la scopri, avoja a dì.

Filed under lamate st.rt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *