Ammazza che stronzo.

Posted by opinionista on Aprile 2, 2014

Ieri me so sentito davvero no stronzo. No spè ricomincio: pure ieri me so sentito no stronzo ma un po’ de più del solito. Perché vieni a sapè le cose pè ultimo e stavolta è solo colpa tua. E quindi mettite a core, mettice na pezza, va a saluta n’amico che te sta a core pè davvero, che senti vicino come un fratello, che se ne va da sto paese infame per motivi che mò nun sto a spiegà. De certo perché costretto.

E allora te senti no stronzo perché infondo m’aveva cercato st’ultimo mesetto e mezzo e io come faccio da un po’ de tempo a questa parte un po’ con tutti, non ho risposto al telefono. Tanto tra te e te, creandoti er solito alibi, te dici “vabbè dai domani lo richiamo. mò settimana prossima lo invito a cena”. E invece er tempo passa e stupidamente nun te accorgi che se te hai scelto de rimane fermo, de defilatte, mica significa che pure tutte le persone intorno a te stanno ferme. Magari ad aspettatte, vè? E allora te senti pure un cojone oltre che no stronzo.

D’altronde è un problema il fatto che stamo sempre concentrati su noi stessi. Che non abbiamo orecchie se non per le nostre sofferenze che diventano sempre più insormontabili mentre quelle degli altri risibili. Semo convinti de avecce er karma contro. Che er destino ciabbia preso de punta e invece.. E invece ncazzo. Basterebbe ogni tanto distoglie lo sguardo dallo specchio ndo stamo a mirasse tutto er giorno. A leccasse le ferite più o meno profonde. A pensà che de solitudine nun se more ma è mejo nun esse soli. E’ na brutta bestia la solitudine.

Ecco ora sto a divagà quando il punto era nantro. Me so sentito no stronzo ed era un po’ de tempo che nun me ce sentivo così. Così stronzo intendo eh. Perché allora devi fa le cose de corsa, sbrigatte a portà quell’abbraccio, quel saluto, che infondo è solo un ciao ma è anche come ristabilì quer contatto, quer legame, che ogni tanto va controllato, riannodato, va soprattutto curato.

Del resto i rapporti, d’amicizia, d’amore, quello che ce pare, nun so mica cactus che basta daje un po’ d’acqua ogni tanto e quelli campano. Magara vè? Eh no i rapporti vanno curati, sistemati, spesso vanno coccolati come fossero pupi. Perché n’amicizia è pure l’unico spazio in cui, all’età der cazzo nostra, potemo ancora permettese de regredì, de esse infantili e de esse trattati da regazzini ma con affetto: na carezza, na pizza, nantra carezza. E’ er circolo della vita del resto. Anzi er circo della vita.

Però te rimane l’amarezza. L’amarezza de nun avè capito che cazzo stava succedendo e de esse stato davero troppo troppo cojone. E per cojone intendo ottusamente concentrato su de me, come troppo spesso ormai.

Ah sì, sappiate che ancora na volta so riuscito a mette na pezza. Merito de chi me accoglie e nun serba rancore per il fatto che ogni tanto me do secco, sparisco. D’altronde a parole io so na cifra bravo ma è nei fatti che sistematicamente so no stronzo. Ed è brutto. Ciao brò, alla prossima.

Filed under lamate bz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *